intervisto Luca Padroggi cantina La Piotta - spumante bio Oltrepo Pavese

Desidero iniziare il 2016 con l'intervista al più giovane dei produttori che ho contattato, come augurio per il futuro.

I vignaioli sono per me persone appassionate, che progettano un territorio e lo trasformano per produrre un piacere.

Luca Padroggi, nella bellezza dei suoi 26 anni, ci invita in Oltrepo Pavese, dove alleva il Pinot nero, per produrre un MILLE BOLLE giovane e modaiolo, che consiglio di bere con gli amici, per uno spumeggiante 2016, prospero e ricco di promesse.

Vignaiolo di oggi è:

LUCA PADROGGI

Cantina:

LA PIOTTA

Luca Padroggi - La Piotta Oltrepo pavese by IlvonoconAdri

Raccontami di te:

Sono Luca Padroggi, ho 26 anni ed insieme a mio cugino Enrico faccio parte della terza generazione dell'azienda "La Piotta" di Montalto Pavese in Oltrepo.

Cos’è per te il vino.  

La prima cosa che mi viene in mente, emozione!

Purtroppo al giorno d'oggi secondo me le persone non si godono e vivono più il vino come una volta, ma cercano sempre il difetto o comunque qualcosa che non renda piacevole un semplice bicchiere di vino, magari in compagnia di un amico. Il più grande personaggio del vino italiano, Angelo Gaja, dice sempre “chi sa bere sa vivere” e “chi gode il vino sa come godersi la vita" e penso proprio che abbia ragione, bisogna sempre imparare da chi ha fatto la storia. Sicuramente poi, il vino è anche il frutto del lavoro, dopo un anno di sforzi di un'intera famiglia.

In che modo la vita ti ha portato a produrre vino?

Fin da piccolo l’attenzione e la passione verso il lavoro del mio papà erano tante e, anche se i miei studi non sono stati inerenti al mondo del vino e dell'agricoltura, la vita e l'amore per questo mondo ha fatto sì che tornassi comunque ad occuparmi dell'azienda, con una visione "diversa" dovuta ad altre esperienze lavorative.

Cosa ti appassiona del tuo lavoro?

Il contatto con la natura, ma allo stesso tempo il rapporto con il consumatore finale, due mondi completamente opposti, ma che allo stesso tempo ti aiutano ad andare avanti. Il consumatore di oggi è sempre più esigente e il modo di lavorare la terra è in continua evoluzione con ritmi sempre più frenetici e tempi più ristretti...è qui che entra in gioco la natura che ti dona pace e tranquillità, con i suoi colori e i suoi profumi. Senza dimenticare che la cosa che davvero mi lega di più al mondo
del lavoro sono le sfide e le sorprese che ogni giorno il vino ti regala con le sue mille evoluzioni e sfaccettature.

Qual è il tuo progetto sulla tua vigna?

Più che in vigna, dove questa parte di azienda è seguita maggiormente da mio cugino e da mio zio, i miei progetti sono in cantina, dove con mio padre ci confrontiamo e spesso discutiamo, sui vini e sulle possibilità di far nascere nuovi prodotti. I dibattiti sono molti, ma penso che sia giusto così, da una parte c'è l'esperienza di chi è da oltre 30 anni che fa questo lavoro e dall'altra ci sono l'innovazione, le idee e la voglia di fare di un ragazzo che è entrato a far parte di questo fantastico mondo. Sicuramente i progetti e le ambizioni sono tanti e con molto entusiasmo spero un giorno di riuscire a realizzare tutti gli obiettivi che mi sono prefissato. Sicuramente nel mondo odierno  riuscire ad emergere è molto difficile, sia per la situazione economica sia per la grande concorrenza che c'è nel mondo del vino, ma sono convinto che lavorando con costanza e soprattutto cercando sempre di migliorare la qualità, i risultati con il tempo arriveranno.

vigna La Piotta Oltrepo pavese by IlvinoconAdri

Il tuo è un vino di tradizione o innovazione?

Penso che ad oggi una bottiglia di vino ci debbano essere entrambi gli elementi, magari con l'innovazione che riguarda maggiormente la parte del pakaging. Se prendiamo in esame solo il vino penso che il discorso non cambi di molto, perchè dipende molto da che fetta di clientela si voglia cercare. Diciamo che nella nostra azienda ci sono vini più innovativi tipo il Mille Bolle e vino più tradizionali come la classica Bonarda, oppure il "Liberamente", un vino senza solfiti aggiunti, non chiarificato e non filtrato, un po’ il vino di una volta, come lo faceva il nonno. Il nonno Luigi parte fondamentale dell'azienda, che ha 90 anni, partecipa ancora con tanta vitalità e a cui ho dedicato il passito "Don Luigi" le cui uve, dopo l'appassimento, vengono sgranate a mano acino per acino, poi schiacciate con i piedi e pressate con un torchietto di 50 anni fa, se non è tradizione questa!

Qual è il vino che produci che ti dà più soddisfazioni e perché?

Il vino a cui sono più affezionato e che mi dà più soddisfazioni è il Mille Bolle

Il Mille Bolle è il primo vino che io ho deciso di fare in azienda. E' uno spumante metodo Martinotti, metodo che già veniva prodotto, ma con modalità diverse con un lungo affinamento sui lieviti. Io ho deciso di abbreviare la rifermentazione per far sì che uscisse un prodotto più fresco e profumato, un prodotto per un pubblico magari più giovanile ma che comunque non vuole perdere la beva del Pinot Nero. Una buona alternativa al modaiolo Prosecco.

La Piotta Mille Bolle Oltrepo pavese by IlvinoconAdri

Scheda del vino Mille Bolle d’Oro

MILLE BOLLE D'ORO

Tipologia Vino Spumante Brut Metodo Martinotti biologico

Terreno e Microclima:   Terreno calcareo/marnoso a 400 m.s.l un terreno da sempre vocato a conferire uve con buona acidità ed intensi precursori aromatici

Tipologia di allevamento della vite: Casarsa

Denominazione: Oltrepo Pavese DOC

Zona di produzione: Oltrepò Pavese

Regione: Lombardia

Vitigni: Pinot Nero 100%

Gradazione: 12% vol.

Acidità:  6,5

Zuccheri residui: 12

Vinificazione: vinificazione in bianco metodo Martinotti

Affinamento: Acciaio per 4 mesi + 2 mesi in bottiglia

Descrizione organolettica:

Colore: giallo paglierino con perlage fine e persistente

Profumi: profumo fine, fragrante, con gradevoli note di frutta

Gusto: al palato è fresco, elegante, armonico e con buona acidità

Temperatura di servizio: 6-8°C

n° di bottiglie / anno: 6000

prezzo consigliato in enoteca: €.  8,00

Abbina il tuo vino a:

un cibo vino da aperitivo

un luogo da visitare Certosa di Pavia

un’opera d’arte L’ultima cena di Ottavio Semino

un brano musicale Le mille bolle blu

un libro o una poesia “Il vino è la poesia della terra.” Mario Soldati

un proverbio “L’agricoltura è l’arte di saper aspettare.” (Riccardo Bacchelli)

Consigliami una manifestazione sul vino: Oltrevini  si tiene a Casteggio a settembre

per maggiori info sulla cantina vai al sito  www.padroggilapiotta.it   

 

 rendi la tua vita più appagante: scegli il tuo

VIDEO CORSO DI DEGUSTAZIONE VINO 
online da tablet, pc e smartphone
corso degustazione vino tutorial online by ilvinoconadri

Leave a comment

I commenti devono essere approvati prima di essere visualizzati.