Natale: spumante brut e panettone ... è amore?

Natale, la magia negli occhi dei bambini, le luci, l’attesa dei regali, i dolci.

Epicuro scriveva “Non si è mai troppo vecchi o troppo giovani per essere felici. Uomo o donna, ricco o povero, ognuno può essere felice” E cosa rende felici i palati golosi, in tempo di festa, se non degustare un bel dolce abbinato ad un vino altrettanto dolce che ne esalta le qualità e i profumi?

A Natale sei abituato a degustare una bella fetta di panettone con lo spumante brut? No, non si fa!  Te lo voglio dimostrare.

 

Prova ad immaginare un dolce classico, una bella fettina di panettone con nocciole del Piemonte, soffice e delicato. Se lo abbini il ad un vino spumante secco, quindi non dolce, sentirai in bocca una dissonanza tra cibo e vino: l’acidità del vino, non smorzata dagli zuccheri, risulterà troppo aspra in bocca, in disarmonia col cibo. In più le bollicine sembreranno più ruvide e ti carteggeranno la lingua. Il vino non ti darà la piacevole avvolgenza gustativa che connota ogni dolce. Vino e cibo non dialogheranno, non si esalteranno, ognuno resterà un’esperienza separata e poco stimola

Prova invece ad abbinare al panettone nocciolato una delicata coppa del classico Asti spumante, un vino dolce. Il moscato bianco, vitigno aromatico con cui viene prodotto l’Asti spumante, mantiene tutti i suoi sentori di fiori e frutta fresca e noccioline, l’eleganza e la piacevolezza, grazie alla vinificazione con il metodo Martinotti o Charmat. Questo metodo per produrre vino spumante, brevettato nel 1895 dal casalese Martinotti, è ben diverso rispetto al metodo classico detto anche metodo champenois con cui vengono prodotti gli champagne in Francia ed è adattissimo a preservare le fresche fragranze, fruttate e floreali, dei vitigni aromatici. Cerca un Asti spumante prodotto sulle colline di Canelli, una delle zone più vocate e, degustando il panettone e poi sorseggiando lo spumante, verifica in bocca l’armonia gusto olfattiva dell’abbinamento.  Il sapore mielato del panettone si sposa con la fragranza zuccherina  del vino e i due sapori si esaltano a vicenda.

Un’intesa avvolgente: è amore a primo sorso.

 

Per saperne di più sul vino e su come abbinarlo al cibo, segui i miei video-corsi di degustazione online.


2 Commenti

ilvinoconadri
ilvinoconadri

December 22, 2014

Cara Francesca,
l’abitudine di abbinare le bollicine di spumante ai dolci arriva dalla Francia, quando lo champagne era dolce…
Oggi è diventato brut e non si abbina +
Che dici … ci scrivo un post?
BUONE FESTE !!
Adri

Francesca
Francesca

December 11, 2014

Grazie Adri, ora so che ho sempre sbagliato (mi piace il brut!) ma quest’anno seguirò sicuramente il tuo consiglio!

Leave a comment

I commenti devono essere approvati prima di essere visualizzati.