Milano, Finger food e Spumante Franciacorta

I love Milan, fashion, food and wine.

L’ultima moda delle serate Milanesi è il finger food. Stuzzichini da magiare con le mani, di tutto un po’, per stimolare l’appetito.

Analizziamo il piatto? Impossibile: il finger food è una sequenza potenzialmente infinita di mille ingredienti, polpettine di pesce, involtini di carne, mousse di verdure, cibi speziati, colorati, accattivanti e molto molto  fashion.

Ecco perché il vino per un abbinamento ideale è solo il re dei vini: lo spumante metodo classico.

La bollicina è divertente, d’orata e brillante come le serate con gli amici. Unita alla bella acidità del vino, rinfresca la bocca e invoglia al prossimo finger food.

Scelgo un metodo classico, perché ho bisogno di un vino che sia strutturato, per poter competere con ogni tipo di ingrediente.

Voglio un vino che abbia una bella persistenza aromatica intensa, perché non sparisca dietro un gusto un po’ speziato.

Un vino a  tutto pasto è sicuramente lo spumante Franciacorta saten. Il saten è leggermente più morbido del brut, con un residuo zuccherino maggiore, che mi fa buon gioco nel caso incontri un boccone piccantino. E’ in grado di ammorbidirne l’impatto e di ripristinare l’equilibrio in bocca, per continuare ad assaporare tutto quello che mi stuzzica.

Sarà una magnifica serata.

 

Se vuoi saperne di più sulla degustazione del vino e su come abbinarlo, segui i miei video-corsi online. Dove vuoi, quando vuoi, da solo o con gli amici.


Leave a comment

I commenti devono essere approvati prima di essere visualizzati.