BEST OF WINE TOURISM PREMIA LA CANTINA ALBINO ARMANI PER LA SOSTENIBILITÀ

Il produttore della Vallagarina è tra i sette vincitori della quarta edizione del concorso sull’enoturismo delle Grandi Capitali del Vino.

 

And the Best of Wine Tourism goes to Albino Armani, viticoltori dal 1607.
La storica azienda familiare originaria della Vallagarina è stata recentemente premiata per le "politiche di sostenibilità” dal prestigioso concorso internazionale che celebra l’innovazione e l’eccellenza dell’enoturismo, cui la provincia scaligera aderisce tramite la Camera di Commercio di Verona.

E ora Albino Armani, al fianco di altre sei affermate realtà del Veronese – cinque aziende vitivinicole e una che si occupa di servizi per il settore – che hanno vinto nelle relative categorie, si prepara a concorrere per la selezione finale, in gara con le imprese scelte in tutte le Capitali del Vino a livello internazionale.

Ed è proprio la sostenibilità a segnare ogni aspetto produttivo delle tenute Albino Armani, che si tratti della proposta enologica o del turismo esperienziale. Una filosofia che fonda le sue radici nel rispetto per il territorio e che si trasforma in una visione più ampia di sostenibilità ambientale, che parla di salvaguardia e “sostegno” di tutto il territorio, attraverso un lavoro congiunto di chi condivide e vive uno stesso luogo. Un approccio che non dovrebbe limitarsi al proprio vigneto, ma che dovrebbe invece essere condiviso da tutti i player e promosso a livello collegiale: una vera e propria idea di “sostenibilità sociale” e di difesa ad ampio raggio, concreta e tangibile, che porti a un risultato comune.
Per possedere questo concetto di sostenibilità credo sia fondamentale appartenere a un territorio e sentirlo tuo”, dice Albino Armani.
vigna Albino Armani

Prima di arrivare ad una conversione della collettività, il punto di partenza resta certamente l’atteggiamento del singolo. Sono tanti i progetti che parlano di sostenibilità in casa Armani, a partire dalla costruzione di cantine a basso impatto ambientale e dal marchio SQNPI – Sistema d Qualità Nazionale Produzione Integrata che certifica tutti i vigneti di proprietà, fino alla tenuta biodinamica Casa Belfi nella Marca Trevigiana (meta di un percorso che inizia con l’enologo Maurizio Donadi alla fine degli anni ’90).
Sempre in un ottica di salvaguardia territoriale, al recupero di varietà ancestrali locali, fino a pochi anni fa a rischio di estinzione, come il Foja Tonda (DOC Terradeforti) e il Nera dei Basi, oggi reinseriti tra le varietà ammesse alla coltivazione. Solo per citarne alcuni.
Un plauso alla cantina!

 

 Un ultimo consiglio: 
 NON BERE MAI VINO
 per apprezzare un vino, bisogna saperlo degustare
VIDEO CORSO ONLINE DI DEGUSTAZIONE VINO
 VIDEO CORSO ONLINE DEGUSTAZIONE VINO - FORMAZIONE VINO SOMMELIER
ORA SCEGLI IL TUO!
da PC, smartphone e tablet
 
seguimi anche su  Facebook  Twitter  Instagram
e sul blog di giallozafferano per consigli di abbinamento cibo e vino.

 

 


Leave a comment

I commenti devono essere approvati prima di essere visualizzati.