Enoturismo e degustazione

Roma, vino Montepulciano e coda alla vaccinara

 

A Roma per pranzo andiamo a Trastevere, a due passi da San Pietro. 

La cucina romana è robusta, socievole e decisa. In menù c’è ampia scelta, si va dai bucatini alla grincia, variante in bianco dei bucatini all’amatriciana, all’abbacchio. Io vado su un piatto che posso trovare solo qui: la coda alla vaccinara. Tipica della tradizione. 

Sorrido allo sguardo invidioso di tre turiste che si sfamano con un piatto di rughetta, pomodorini e carote crude, annaffiate da abbondante acqua frizzante e semicalda. Vorrà dire che per oggi le mie curve saranno un po’ più morbide e i miei ricordi gusto-olfattivi molto più ricchi.

Che caratteristiche dovrà avere il vino per esaltare il gusto del mio piatto? Voglio un rosso di corpo, con un bel tannino astringente che asciughi la bocca dopo la succulenza dei bocconi di carne. Per esempio ...

scopri come dare più gusto alla tua vita con i miei  video-corsi online da tablet, pc e smartphone, sulla degustazione del vino

Continua la lettura >